Capoccioni Fabrizio

#acquacoltura

Ph.D., Consiglio per la Ricerca in Agricoltura e l’Analisi dell’Economia Agraria (CREA)

Sessione: L’ACQUACOLTURA COME STRATEGIA DI SVILUPPO PER ECONOMIA E AMBIENTE

L’acquacoltura biologica in Italia: stato dell’arte

Il progetto “Un nuovo respiro per l’acquacoltura biologica: il supporto della ricerca partecipata alla crescita del settore – BioBreed-H2O”, coordinato dal Consiglio per la Ricerca in Acquacoltura – Centro di Zootecnia e Acquacoltura (sede di Monterotondo), finanziato dal Mipaaf (DM N. 89486 del 30/12/2015), ha come obiettivo quello di supportare l’Amministrazione nell’azione di promozione e sviluppo della filiera dell’acquacoltura biologica, individuando gli elementi di debolezza che rallentano lo sviluppo del settore che, in analogia con altri sistemi zootecnici, non cresce in modo conseguente al forte aumento della domanda di prodotti biologici certificati. Lo sviluppo del settore, dopo una fase di rapida crescita a seguito dell’emanazione del Regolamento europeo (Reg. CE 710/2009), sta infatti attraversando una fase di contrazione in alcuni Paesi dell’UE, tra cui l’Italia. Con l’eccezione di pochi Paesi, infatti, il mercato del pesce biologico è ancora ad uno stadio iniziale, con tutti i problemi associati agli alti costi di produzione, ai bassi volumi di vendita, ed alla necessità di investire nel marketing e di creare consapevolezza nei consumatori. Nei Paesi leader di questo mercato, come Germania, Gran Bretagna, Francia e Svizzera, è stata già raggiunta la soglia della fase di crescita, quindi i volumi d’affari e le vendite stanno aumentando.

Il progetto ha offerto occasioni di approfondimento delle politiche di sviluppo dell’acquacoltura biologica, grazie al coinvolgimento di tutti gli stakeholders della filiera, dai produttori, alla distribuzione a vari livelli, ai consumatori.

Si intende presentare alcuni dei principali risultati ottenuti nell’ambito del progetto BioBreed-H2O:

  1. lo scenario nazionale relativo alle imprese certificate per la produzione di pesci, molluschi e crostacei biologici, mostrando il trend dei dati produttivi dell’ultimo triennio, confrontato con la situazione degli altri Paesi dell’UE;

  2. i risultati dell’indagine condotta presso i gruppi di acquisto, la distribuzione di settore e la grande distribuzione organizzata, per evidenziare i possibili sbocchi del prodotto sul mercato;

  3. i risultati preliminari relativi al questionario sul consumo di pesce allevato biologico, ad uso della ricerca, dell’Amministrazione e delle imprese, che devono calzare le proprie strategie di sviluppo e marketing sulle esigenze dei consumatori.

Curriculum Vitae

Certificato di internazionalità

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Tutte le ultime news direttamente nella tua casella e-mail!