MANCANO

  • 00G
  • 00O
  • 00M
  • 00S

ALLA PROSSIMA EDIZIONE

MANCANO

  • 00G
  • 00O
  • 00M
  • 00S

ALLA PROSSIMA EDIZIONE

  • 00D
  • 00H
  • 00M
  • 00S

TO THE NEXT EDITION

MANCANO

  • 00G
  • 00O
  • 00M
  • 00S

ALLA PROSSIMA EDIZIONE

  • 00J
  • 00H
  • 00P-v
  • 00S

à la prochaine édition

MANCANO

  • 00G
  • 00O
  • 00M
  • 00S

ALLA PROSSIMA EDIZIONE

RELATORI ALGAEFARM

Pezzolesi Laura

--


Relatori AlgaeFarm

Qualifica: ricercatore

Istituzione/Azienda: Università di Bologna

Biografia
Laura Pezzolesi è ricercatrice (RTDb) in Botanica Generale presso il Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche e Ambientali dell’Università di Bologna. Ha conseguito il dottorato in Scienze ambientali approfondendo lo studio di microalghe dannose, con particolare interesse alle dinamiche di crescita e sviluppo delle fioriture e di produzione di tossine algali. Ha svolto attività di ricerca come visiting-scientist presso il Plant Research International (Wageningen, The Netherlands), l’NRC-CNRC (Halifax, Canada) e il NOAA (Charleston, South Carolina, USA). Attualmente le sue ricerche sono focalizzate sulle dinamiche e il monitoraggio del fitoplancton e fitobenthos in aree costiere, sulla produzione di composti allelopatici da parte di alghe marine e il loro ruolo nelle interazioni tra i diversi organismi, e sulla coltivazione di microalghe produttrici di composti bioattivi e la loro estrazione per applicazioni a livello industriale.


Sessione di intervento
Tecnologie e innovazioni per la coltivazione di microalghe

Intervento
Estrazione di astaxantina da colture di Haematoccocus pluvialis mediante approccio di mungitura e solventi ecosostenibili

Abstract
Cisti di Haematococcus pluvialis di diverse età sono state estratte con solventi non convenzionali (olio vegetale e solventi eutettici-DES) valutati in termini di estrazione di astaxantina, tossicità verso le alghe e stabilità dell’estratto. Olio di mandorle e DES composti da timolo e acido oleico (TAO) hanno mostrato grandi efficienze di estrazione (60-70%), soprattutto quando sono state estratte cisti giovani. L’approccio della mungitura è risultato efficace solo con l’olio. Poiché l’astaxantina si degrada facilmente a causa del calore, dell’ossigeno e dell’esposizione alla luce, è stata studiata la stabilità degli estratti nei DES e nell’olio. Nella maggior parte dei solventi è stata osservata una significativa degradazione, mentre TAO ha mostrato un elevato potenziale di stabilizzazione anche se esposto ad alto irraggiamento luminoso (40% del contenuto iniziale di astaxantina dopo 13,5 h), attestando che alcuni DES potrebbero aumentare la stabilità dell’estratto.

IL PROGRAMMA

25
Maggio

--

Mercoledì

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Tutte le ultime news direttamente nella tua casella e-mail!