Rodolfi Liliana

#algocoltura

Ricercatrice, Università degli Studi di Firenze

Sessione: BIOMASSE ALGALI: UNA NUOVA FONTE PER L’INDUSTRIA, LA CHIMICA E L’ENERGIA

Molecole bioattive da microalghe (progetto H2020 NOMORFILM)

Liliana Rodolfi1,2, Natascia Biondi1, Giacomo Sampietro2, Alberto Niccolai1, Mario R. Tredici1

Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agro-alimentari e dell’Ambiente, Università degli Studi di Firenze, Piazzale delle Cascine 24, Firenze

2 Fotosintetica & Microbiologica S.r.l., Via dei Della Robbia 54, Firenze

Di oltre 20.000 molecole ad attività antimicrobica prodotte da microrganismi la maggior parte sono state isolate da funghi ed attinomiceti, e la restante parte per lo più da batteri non attinomiceti. Le microalghe ed i cianobatteri sono gruppi microbici ancora poco esplorati sotto questo aspetto e rappresentano quindi una fonte importante di nuove molecole. Allo stesso tempo negli ultimi decenni si è assistito ad un incremento del numero di patogeni antibiotico-resistenti. In questo contesto il progetto europeo H2020 NOMORFILM (Novel Marine Biomoleculs against Biofilm. Application to medical devices) ha l’obiettivo di scoprire nuovi composti bioattivi da microalghe (inclusi i cianobatteri) per il trattamento e la profilassi delle infezioni causate da biofilm microbici (ad oggi responsabili del 60% delle infezioni nell’uomo) che possono svilupparsi su protesi e impianti medicali. Il progetto, coordinato dall’Instituto de Salud Global Barcelona, (Spagna) vede il coinvolgimento di 15 partners (tra cui università, centri di ricerca, piccole medie industrie) con diversi compiti che vanno dallo screening di centinaia di ceppi microalgali per la presenza di molecole ad attività antimicrobica, fino al coating delle protesi con il materiale bioattivo e test in vivo, passando per la caratterizzazione delle molecole attive e la delucidazione del loro meccanismo d’azione.

All’interno del progetto, il Dipartimento di Scienze delle Produzioni Agro-alimentari e dell’Ambiente e lo spin-off Fotosintetica & Microbiologica S.r.l. dell’Università degli Studi di Firenze hanno il compito di ottimizzare le condizioni di coltura che massimizzano la produzione delle molecole bioattive in ceppi selezionati e dello scale-up delle colture per la produzione delle biomasse bioattive da cui estrarre il metabolita d’interesse. Ad oggi lo studio è stato portato a termine per 10 ceppi, alcuni dei quali sono risultati molto promettenti sia per quanto riguarda la produzione in biomassa, sia per la stabilità della crescita in coltura massiva all’aperto, anche se rimangono da risolvere problemi legati alla stabilità dei composti bioattivi.

Ringraziamenti: la ricerca è stata finanziata dall’European Union’s Horizon 2020 research and innovation programme under Grant Agreement No 634588 (Nomorfilm).

Certificato di internazionalità

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Tutte le ultime news direttamente nella tua casella e-mail!